• A soli 5 euro abbonati per 1 anno a Caboto per scaricare ogni mercoledì il PDF con tanti annunci di lavoro dall'Estero

Vita da… cani

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

nadia2

Questo fine settimana la città di Philadelphia è più tranquilla… è un week-end importante perché lunedì 27 maggio si celebra il Memorial Day (come ogni anno, ogni ultimo lunedì di maggio). Per l’occasione gli americani si spostano verso mete turistiche e ne approfittano del lungo ponte. Mi dicono che questo giorno coincida anche con l’inizio della stagione balneare! Così è tradizione andare al mare, nelle vicine spiagge dello Stato del Delaware e del New Jersey.
Io ho scelto di rimanere qui, a Philadelphia, ad assaporare il clima vacanziero di una città che festeggia. A farmi compagnia, oltre al mio ragazzo, Blossom e Autumn. Alcuni nostri amici americani ci hanno affidato i loro cani da accudire per due giorni. Cani americani… come dovrò rivolgermi a loro? In inglese?
Superato l’imbarazzo e il sentirmi un po’ strana nel parlare a dei cani in inglese (o semplicemente a parlare a dei cani!), ho preso rapidamente gusto a scarrozzarli in giro per le strade del mio quartiere e vedere come sia agiata la vita dei cani americani.
In generale, le persone da queste parti sono molto affabili e cordiali, ma quando sei padrone di un cane, sembra che lo siano ancora di più. Non c’è persona che non si fermi a chiederti notizie dei tuoi compagni di passeggiata e che non s’intenerisca e  non faccia apprezzamenti. Impressionante il rispetto che portano per loro. E così ho iniziato a osservare questa città con occhi diversi. Con occhi di chi ha un animale domestico. Numerosi sono i negozi per animali, a volte sono così curati e pieni di suppellettili che stento a riconoscere che genere di merce sia venduta.
Quasi ogni block (isolato) ha un idoneo spazio, dove poter portare il proprio segugio. La città non è fatta solo a misura d’uomo, sembra anche fatta a misura di cane. I parchi pullulano di cani di ogni razza ma è sorprendente come siano puliti, segno di rispetto e civiltà nei confronti di chi un cane non ce l’ha e vuole solo passeggiare.

Ho scoperto che in America la figura del dog sitter, e più in generale del pet sitter, è molto diffusa tanto da far esistere associazioni dedicate e addirittura applicazioni per smartphone che ti consentono di vedere come sta il tuo cane, tramite foto che il dog sitter invia periodicamente.
E’ molto comune trovare annunci di offerte di lavoro come dog sitter. Per chi pensa di trasferirsi dall’altra parte dell’Oceano, soprattutto per motivi di studio, e ama gli animali, potrebbe essere un’idea su come impiegare il proprio tempo libero, guadagnando qualcosa.
Qui il detto “Il cane è il migliore amico dell’uomo”, è più vero che mai!

nadia4 nadia2 nadia3 nadia1

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia il tuo commento