• A soli 5 euro abbonati per 1 anno a Caboto per scaricare ogni mercoledì il PDF con tanti annunci di lavoro dall'Estero

Olanda: permessi e documenti per lavorare

Scritto da Redazione on . Postato in Guide

olanda

In quanto paese membro dell’Unione Europea, i Paesi Bassi non richiedono ai cittadini degli altri paesi membri (con qualche restrizione per quelli provenienti da Romania e Bulgaria) particolari permessi o visti per lavorare e risiedere nel paese.
Chi però intende trasferirsi per più di tre mesi, anche in cerca di un lavoro, è tenuto a registrarsi presso il municipio in cui risiede e ad effettuare la registrazione presso l’ufficio immigrazione, oltre ad ottenere il “Citizen Service Number”, o BSN.

Prima di partire
Ma prima ancora di partire, quali documenti occorre fare per stare tranquilli e non trovarsi ad affrontare i problemi sul campo? La legge stabilisce che per risiedere in Olanda i cittadini comunitari hanno bisogno di un semplice documento di identità; in realtà è consigliabile avere con sé il passaporto, dato che molte banche non accettano altri documenti – nemmeno la Carta d’Identità – per effettuare le operazioni. Importante poi avere (o farsi rilasciare,per chi non l’avesse) la tessera sanitaria europea, o in mancanza di questa il modulo E111 che va richiesto all’Asl. Infine è bene portare con sé l’estratto internazionale dell’atto di nascita.

All’arrivo
Una volta arrivati sul suolo olandese, i passi fondamentali da compiere invece sono questi.
1) Rivolgersi agli uffici dell’anagrafe (“Bevolkingsregister”) presso il Comune in cui si risiede (ufficio Burgerzaken) per registrare appunto la propria residenza.
2) Iscriversi all’Aire, l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (maggiori informazioni e modulistica su www.consamsterdam.esteri.it). L’iscrizione all’AIRE si può fare anche tramite posta, inviando l’apposito modulo firmato e sottoscritto, con copia del documento d’identità e certificato di residenza del comune olandese.
3) Richiedere il codice fiscale (BSN o SOFI number). Si tratta di un codice indispensabile per ogni aspetto della vita, dall’apertura di un conto in banca all’assicurazione sanitaria, e anche per ottenere un lavoro. Se si possiede una residenza fissa e un contratto di affitto si deve richiedere il Citizen Service Number (Burgerservicenummer, BSN). Se si intende vivere in Olanda per meno di tre mesi o non si possiede (ancora) un contratto di affitto, magari perché momentaneamente ci si appoggia a casa di qualcuno o si condivide un appartamento, occorre invece richiedere presso un ufficio delle tasse (Belastingdienst)un Sofi Number, valido ai fini fiscali e di sicurezza sociale. Per richiederlo occorre prendere un appuntamento. Maggiori informazioni e i recapiti degli uffici sono sul sito www.belastingdienst.nl. Dall’Olanda è anche attivo il numero 0800 – 05 43 per la richiesta di informazioni (+31 55 538 53 85 dall’estero).
4) Registrarsi presso il servizio immigrazione IND (Immigration and Naturalisation Service) se si intende restare in Olanda per più di tre mesi oppure dopo tre mesi dall’arrivo. Per iscriversi occorre prendere un appuntamento telefonando ai numeri indicati sul sito www.ind.nl e portando con sé i documenti richiesti.
5) Sottoscrivere un’assicurazione sanitaria olandese (zorgverzekering), obbligatoria. Indirizzi e recapiti si possono trovare sull’elenco telefonico della città di residenza. L’importo del premio varia in base al reddito; è lo stesso livello del reddito a determinare la possibilità di accendere un’assocurazione privata (particulier, per i livelli più alti) o pubblica (ziekenfonds).
L’assicurazione va fatta il più presto possibile per scongiurare il rischio di un ricovero o di un intervento sanitario interamente a proprie spese. In caso di ricovero in ospedale, per ricevere cure è necessario avere il documento che attesti l’assicurazione contratta e un documento d’identità (passaporto). Maggiori informazioni su www.zn.nl.
6) Aprire un conto corrente presso una banca o in posta.

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia il tuo commento