• A soli 5 euro abbonati per 1 anno a Caboto per scaricare ogni mercoledì il PDF con tanti annunci di lavoro dall'Estero

Studiare in Germania

Scritto da Loredana Toso on . Postato in Formazione, Guide

universita

Importante player internazionale con una forte economia, la Germania rappresenta una meta attrattiva per chi desidera studiare all’estero. E’ un paese interessante dal punto di vista storico, culturale e paesaggistico, vanta università fortemente collegate al mondo del lavoro, con buona reputazione internazionale, offre una formazione pressoché gratuita sia a livello superiore che universitario e una varietà di corsi in lingua inglese (benché la conoscenza del tedesco sia vivamente consigliata).

Sistema scolastico
Il sistema tedesco prevede:
– Laurea triennale: Bachelor
– Laurea magistrale/specialistica di 2 anni: Master
– Dottorato di ricerca: Promotion
Alcuni corsi di laurea che richiedono un esame di stato (Staatsexamen) per l’esercizio della professione (farmacia, medicina, giurisprudenza) prevedono un corso di studi a ciclo unico di 5-6 anni.
L’anno accademico è diviso in due semestri: l’invernale (Wintersemester), da aprile a settembre e l’ estivo (Sommersemester), da ottobre a marzo. In ogni caso, è bene informarsi direttamente presso i singoli atenei, visto che le date possono variare da istituto ad istituto.
Solitamente per i nuovi studenti immatricolati vengono organizzati eventi informativi e presentazioni già alcune settimane prima dell’inizio delle lezioni.
A differenza dell’Italia, in molti corsi ci si può iscrivere sia nel semestre invernale che in quello estivo: di conseguenza, la durata dei percorsi di studio si calcola in semestri e non in anni.
L’offerta universitaria è in Germania ampia e articolata, con un numero elevato di atenei ed una notevole varietà di tipi di istituti universitari. Troviamo infatti:
– 109 università (Universitäten), che offrono una formazione principalmente teorica, ma in costante integrazione con le realtà del lavoro attraverso attività professionalizzanti quali tirocini e work studies
– 191 istituti superiori di formazione professionale (Fachhochschulen), o Università di Scienze Applicate, che rappresentano la giusta soluzione per chi predilige uno studio orientato alla pratica, con una formazione fondata teoricamente ma diretta alle applicazioni concrete del mondo del lavoro, con tirocini e semestri pratici obbligatori
– 55 istituti superiori di formazione artistica, cinematografica e musicale (Kunst-, Film- und Musikhochschulen), indicati per coloro che desiderano realizzare uno studio artistico e creativo. Presuppongono un certo talento artistico, valutato attraverso specifici test, con condizioni d’accesso del tutto particolari.

La maggior parte delle università viene finanziata dallo Stato e un piccolo numero dalla Chiesa protestante o da quella cattolica. Inoltre sono sorte oltre 80 università private riconosciute dallo Stato, in gran parte istituti superiori di formazione professionale. Solo il 3 % degli studenti frequenta università private, dovuto ai costi molto elevati.
I requisiti di ammissione sono solitamente stabiliti dai singoli atenei. In generale, gli studenti devono passare un test che attesti la loro conoscenza della lingua tedesca a livello molto buono. In caso di programmi di studio internazionali la lingua è l’inglese, ma anche in questo caso la conoscenza della lingua tedesca è essenziale per le interazioni locali.
Esistono due tipi di prove per verificare la comprensione, la capacità di lettura e di espressione scritta e orale del tedesco: il DAF e il DSH. Entrambi sono validi e vengono riconosciuti da tutte le università. Mentre il DAF si può sostenere in 90 paesi, il DSH si può sostenere solo presso le università tedesche e le domande possono variare da ateneo ad ateneo.

Finanziamento degli studi
Molte opportunità sono offerte agli studenti internazionali per borse di studio parziali o totali. Per saperne di più è bene:
1. Informarsi direttamente presso gli Istituti di interesse
2. Consultare la fornitissima Guida ai finanziamenti
3. Verificare l’Associazione delle Fondazioni tedesche

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia il tuo commento