• A soli 5 euro abbonati per 1 anno a Caboto per scaricare ogni mercoledì il PDF con tanti annunci di lavoro dall'Estero

Costa Rica: (non) è un gioco da ragazzi

Scritto da Redazione on . Postato in Guide, Vita da expat

costarica

Complice anche la scarsa conoscenza del paese – che dà forza agli stereotipi più classici che affliggono i paesi tropicali – sono molti quelli che pensano che “mi trasferisco in Costa Rica” significhi “trovo un lavoro qualsiasi, magari vendo pesce fresco sulla spiaggia, e mi do ad una vita più semplice e naturale”. No, questo è – appunto – un mito. Uno dei tanti miti da sfatare quando si parla del piccolo paese centroamericano.

Trovare un lavoro in Costa Rica potrebbe essere un’impresa molto più difficile di quanto si immagini, e questo soprattutto per due motivi:
1. il Governo tutela molto i lavoratori locali e ammette nel mercato del lavoro solo profili altamente specializzati e quindi molto difficili da reperire. Si tratta di casi molto isolati dal momento che – come sottolinea Alfredo nel suo ricchissimo blog Italia Costa Rica (vedi l’intervista a pagina 8) – “i costaricensi hanno un livello di istruzione piuttosto elevato e dispongono di specialisti in quasi ogni settore di attività”;
2. i salari sono notevolmente più bassi di quelli (già molto bassi) italiani: dal 20 al 50% in meno (le tabelle dei salari sono pubblicate sul sito del Ministero del Lavoro).
Allora che fare? La strada più efficace potrebbe essere quella di trovare lavoro presso un’azienda straniera ma con una sede in Costa Rica, autorizzata dalla Direzione di Migrazione; sarà la stessa azienda a richiedere alle autorità il rilascio di permessi temporanei per alcuni dei propri dipendenti.
Oppure si può decidere di avviare un’impresa e richiedere una residenza temporanea. Ma attenzione: il capitale minimo di investimento è di 50mila dollari americani.

Residenti “a tempo”
Il visto di residenza temporanea può durare dai 6 mesi ai due anni ed è rinnovabile. Possono ottenerlo alcune categorie di persone:
– il coniuge di cittadino del Costa Rica
– i religiosi delle religioni che devono essere accreditati presso il Ministerio de Relaciones Exteriores y Culto.
– gli agenti, i rappresentanti, i dirigenti ed il personale tecnico di imprese con sede in Costa Rica ed i loro coniugi e figli.
– gli investitori
– gli scienziati, i professionisti, gli stagisti ed i tecnici
– gli atleti regolarmente accreditati presso il Consejo Nacional del Deporte y la Recreaciónn
– i giornalisti ed il personale delle agenzie di stampa
– i rentisti o affittuari
– i pensionati.

Pensionati e “rentisti” (ovvero coloro che dispongono di una rendita e non lavorano) sono un gruppo di immigrati sempre più numeroso in Costa Rica; a loro la legge riserva un trattamento di favore, in quanto portano con sé ricchezza da spendere nel paese, o comunque dispongono dei mezzi per vivere dignitosamente.
I pensionati devono dimostrare di avere una fonte di reddito permanente e stabile proveniente dall’estero pari ad almeno mille dollari. I “rentisti” (e le loro famiglie) invece devono possedere un conto aperto presso una banca locale con un deposito di almeno 60mila dollari e prelevare ogni mese 2.500 dollari in valuta locale (colones). Il permesso viene concesso loro per due anni, al termine dei quali è necessario ricostituire il capitale e rinnovare il permesso di residenza.

Residenti permanenti
La residenza permanente dà il diritto di vivere in modo stabile in Costa Rica senza limiti di tempo. Viene concessa a:
chi ha beneficiato di una residenza temporanea di almeno tre anni consecutivi, e include il conniuge e i familiari consanguinei di primo grado
chi è parente di primo grado per consanguineità con un cittadino costarricense
rifugiati politici (dichiarati tali dalla Comisión de Visas Restringidas y Refugio)
Le disposizioni sull’immigrazione però sono molto mutevoli; prima di fare qualsiasi passo è bene controllare le novità sul sito della Direzione Generale della Migrazione (www.migracion.go.cr).

I contatti giusti
Volete maggiori informazioni in merito a documenti, permessi, opportunità economiche in Costa Rica? Ecco da dove iniziare, iniziando dall’Italia.

Diplomazia
Ambasciata del Costa Rica a Roma
Via Bartolomeo Eustachio, 22
00161 Roma
Tel. 06 4425 1046, Fax 06 4425 1048
e-mail: embcosta@tiscalinet.it

Roma – Consolato Generale
Viale Liegi, 2, int. 8 – 00198 Roma
Tel. 06 84242853 / 06 85355935 – Fax 06 85355956
E-mail concostarica@yahoo.it
Circoscrizione Lazio, Abruzzo, Molise, Sardegna, Lombardia, Veneto, Trentino-Alto Adige,
Friuli-Venezia Giulia, Umbria

Torino – Consolato Generale Onorario
Indirizzo Via Susa, 31 – 10138 Torino
Tel. 0114337218 – Fax 0114345012
E-mail corica@aerre.it
Circoscrizione Piemonte, Valle d’Aosta

Bologna – Consolato Onorario
Indirizzo Via A. Righi, 13 – 40126 Bologna
Tel. e fax 051232097
Circoscrizione Emilia-Romagna, Marche

Milano – Consolato Onorario
Indirizzo Via Giulini, 5 – 20123 Milano
Tel. e fax 0286454585
E-mail consmil.cr@interlaw.biz
Circoscrizione Città di Milano

Venezia – Consolato Onorario
Indirizzo Sestriera di Santa Croce 321/a – 30135 Venezia
Tel. 041-2432590 / 336-521431 – Fax 041-715865
E-mail consolatocostarica.ve@gmail.com
Circoscrizione Veneto

Soggetti Economici
Camera di Industria y Comercio
Italo Costarricense
Associazione senza fini di lucro, fondata nel 1981 da un gruppo di imprenditori italiani e riconosciuta dal 1984 dal Governo italiano. Riunisce imprese, imprenditori e professionisti sia italiani che costaricensi di diversi settori.
Tel: (+506) 25201643
Fax: (+506) 25201641
Email: info@camaraitalocostarricense.com
www.camaraitalocostarricense.com
Molto utile, sul sito della Camera, l’elenco dei soci, tra cui appunto numerose imprese italiane che operano nel paese.

CINDE – Agenzia per la promozione degli investimenti in Costa Rica
Plaza Roble Edificio Los Balcones, 4th Floor
Escazú, San Jose, Costa Rica
invest@cinde.org
Tel: +506 2201-2800 +506 2201-2800
Fax: +506 2201-2867
www.cinde.org

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia il tuo commento