Sei straniero e cerchi lavoro in Italia? Scarica GRATIS il magazine con tantissime offerte di lavoro per madrelingua

Archivio Autore

Goodbye Philadelphia

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

goodbye

A un anno e mezzo da quando sono arrivata a Philadelphia mi ritrovo a riflettere: è inevitabile che dopo una vita trascorsa nella tua bell’Italia (con qualche interruzione che mi ha portato a studiare e lavorare per brevi periodi all’estero) non ci si fermi a pensare a cosa hai costruito, a cosa e a chi hai lasciato.

Il Giorno della Marmotta

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

philly-snow1

Il 2 febbraio a Philadelphia era una bella giornata invernale, fredda, freddissima, ma serena. Mentre gli americani si preparavano al grande evento sportivo tanto atteso, il Superbowl, una marmotta è uscita dalla sua tana, ha visto la sua ombra, si è spaventata ed è sparita poco dopo nel suo rifugio. Questo sembra essere un segno di cattivo auspicio per chi non ama il freddo, la neve e il vento: l’inverno pare che durerà per altre sei settimane da quando la marmotta ha visto la sua ombra.

Partire davvero

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

emigrante

Ho lasciato l’Italia con la speranza di poterci tornare un giorno non molto lontano più preparata, ricca di un’esperienza che gioverà non solo a me ma in qualche modo anche alla mia comunità. Ho lasciato l’Italia con l’entusiasmo di chi vuole scoprire il mondo e non vuole dimenticare le proprie origini e la propria terra.

Testa di zucca

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

zucche1

L’autunno è ormai avanzato anche a Philadelphia. Contrariamente alle mie aspettative, non è grigio e malinconico. E’ allegro. Colori caldi dominano le strade alberate e forse Halloween aiuta ad accogliere con allegria questa stagione.

Far West

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

philadelphia-dangling-shoes

Luglio e agosto a West Philly. Il continuo frinire delle cicale accompagna le giornate calde ed umide di questo particolare quartiere. Sono diverse dalle cicale italiane, sono più grandi e sono tantissime. Scopro che quest’anno c’è l’invasione, come ogni 17 anni sulla costa orientale degli States. Interessante fenomeno.

I balocchi di Atlantic City

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

atlantic-city3

Un sabato mattina di giugno come tanti. Alle 9 ci sono già 28 gradi. A Philadelphia si prevedono picchi di 32 gradi. Umidità altissima. È tempo di andare ad esplorare la costa a pochi chilometri da Philadelphia. Per chi non ha una macchina, il posto più vicino e facilmente raggiungibile è Atlantic City. In un’ora e mezza con il treno sono sull’oceano.

Vita da… cani

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

nadia2

Questo fine settimana la città di Philadelphia è più tranquilla… è un week-end importante perché lunedì 27 maggio si celebra il Memorial Day (come ogni anno, ogni ultimo lunedì di maggio). Per l’occasione gli americani si spostano verso mete turistiche e ne approfittano del lungo ponte.

Come un invito a cena

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

sordi

Prima di partire per Philadelphia, mi sono documentata il più possibile sulla cultura americana e su quello che mi avrebbe atteso per cominciare una nuova vita.  Una volta approdata in terra straniera, tuttavia, ho realizzato quanto sia stato importante anche aver cercato un contatto con la propria comunità d’origine per facilitare l’integrazione nella nuova società.

Come in un film americano

Scritto da Nadia Magnanini on . Postato in Diari, Vita da expat

philadelphia1

Quattro mesi dal mio arrivo a Philadelphia. Camminare per le strade di questa città mi fa uno strano effetto, tutto sembra familiare: i palazzi, le persone ai semafori, i camioncini del cibo lungo i marciapiedi, le macchine ferme nel traffico. Mi sembra di esserci già stata. Eppure è la prima volta che vedo questa città. Luci, colori, rumori… com’è affascinante la sua skyline, armoniosa e lineare, dona risalto ai miei 2 grattacieli preferiti: i Liberty Place, 1 e 2.